ll 15 luglio 2023 entrerà in vigore il nuovo Decreto Legislativo 24/2023 emanato il 10.03.2023 riguardante la protezione delle persone che segnalano spontaneamente attività illegali, immorali, illecite o fraudolente commesse all’interno di un ente pubblico o privato, delle quali sia venuto a conoscenza o sia stato testimone nell’esercizio delle proprie funzioni.

La nuova normativa, oltre a prevedere misure necessarie a garantire la tutela dell’identità del segnalante e la riservatezza delle persone coinvolte e delle persone menzionate, concede al segnalante (definito “whistleblower”) la possibilità di effettuare la segnalazione anche in forma anonima attraverso un canale di segnalazione interna istituita dall’ente medesimo o un canale di segnalazione esterna istituito dall’ANAC.

Le segnalazioni potranno essere effettuate in forma scritta, anche con modalità informatiche, oppure in forma orale, attraverso linee telefonichesistemi di messaggistica vocale o attraverso un incontro diretto da fissare su richiesta della persona segnalante.

Qualora ricorrano presupposti espressamente previsti dal decreto e nel caso in cui ritenga che sussista un pericolo imminente o palese per il pubblico interesse, il segnalante potrà far ricorso a una terza forma di segnalazione, la cd. divulgazione pubblica, attraverso i mezzi stampa, i mezzi elettronici o altri mezzi di diffusione in grado di raggiungere un numero elevato di persone.

Denunciare un comportamento scorretto o illegale non è certamente una scelta semplice, ma moralmente doverosa.

In base alla nuova normativa, gli enti privati saranno obbligati a istituire un canale per la gestione delle segnalazioni entro e non oltre i seguenti termini:

·       15 luglio 2023, per le società con un numero di dipendenti superiore a 249;

·       17 dicembre 2023, per le società con un numero di dipendenti compreso tra i 50 ed i 249.

Diversamente l’ente incorrerà in ingenti sanzioni amministrative pecuniarie (fino a 50.000,00 euro).

A riguardo, RP Advisor mette a disposizione delle aziende la propria trentennale esperienza, offrendo, tra i suoi servizi, anche l’assistenza alla corretta applicazione del citato D. Lgs 24/2023.. Nello specifico, i servizi offerti da RP Advisor riguardano:

1.    La creazione di procedure per il corretto recepimento della normativa;

2.    La ricezione della segnalazione;

3.    La classificazione della segnalazione;

4.    L’inoltro della segnalazione (classificata) al soggetto preposto alla gestione;

5.    Analisi e statistica delle segnalazioni ricevute.

Ancora una volta, RP Advisor dimostra in questo modo, di essere partner affidabile e autorevole su una materia in evoluzione e di grande impatto nella gestione aziendale del futuro.

Per informazioni contattarci tramite il form nella sezione contatti, scrivi a info@rpadvisor.it oppure chiama al numero 031 2250748.