Il Garante Privacy ha recentemente pubblicato le nuove linee guida per l’uso dei cookie: vietato lo scrolling, il cookie wall e la ripresentazione del banner ad ogni nuovo accesso.

Il 9 luglio scorso il Garante per la Privacy ha pubblicato in Gazzetta Ufficiale, le nuove “Linee guida per l’uso dei cookie e di altri strumenti di tracciamento”. Il provvedimento consiste in un aggiornamento del documento del 2014, alla luce dei cambiamenti sopravvenuti con la pubblicazione del GDPR. L’obiettivo delle linee guida è quello di definire un contesto chiaro e univoco relativo all’utilizzo dei cookies, nell’intento di rafforzare i diritti degli utenti. I publisher dei siti italiani avranno quindi sei mesi di tempo per adeguarsi alle nuove direttive, che introducono alcune importanti novità.

Solo cookies tecnici

Il Garante Privacy ha specificato che al momento del primo accesso solo i cookies tecnici potranno essere memorizzati all’interno del dispositivo dell’utente. Per i cookie statistici e di profilazione sarà invece obbligatorio il consenso esplicito da parte degli interessati. L’Autorità ha sottolineato inoltre che l’informativa dovrà essere scritta con un linguaggio chiaro e comprensibile in cui dovranno essere indicati altri eventuali soggetti destinatari e i tempi conservazione dei dati.

Una X per rifiutare i cookie

Il banner mostrato al primo accesso dovrà contenere un pulsante per accettare tutti i cookie e un link che porterà ad un’altra pagina dove sarà possibile dare o negare il consenso per le singole funzionalità. L’utente, cliccando sul pulsante X di chiusura, avrà inoltre la possibilità di navigare sul sito senza dare il consenso ai cookie.

No alla ripresentazione del banner ad ogni nuovo accesso

L’Autorità ha definito invasiva la ripresentazione, ad ogni nuovo accesso, del banner per la richiesta di consenso agli utenti che in precedenza l’abbiano negato. Nel caso di specie esistono solo tre eccezioni: modifica delle condizioni del trattamento; impossibilità di conoscere se un cookie è stato già memorizzato nel dispositivo; richiesta di consenso più vecchia di sei mesi.

Vietati scrolling e cookie wall

Infine, il Garante Privacy ha sottolineato che lo scrolling, ossia lo spostamento in basso del cursore, non rappresenta una diretta manifestazione di consenso. I publisher dei siti dovranno perciò attivarsi per trovare nuove soluzioni. Per quanto riguarda invece il cookie wall (che vincola gli utenti all’espressione del consenso), l’Autorità ne ha dichiarato illegittimo l’uso, salvo diverse ipotesi da valutare caso per caso.

Cookies icons created by Smashicons – Flaticon